Analisi della Graduatoria Mondiale in Vasca da 50 – FEMMINE

AGGIORNATO AL 1 APRILE 2015


Nel mese di marzo ci sono state diverse manifestazioni internazionali: vediamo se la graduatoria mondiale si è smossa.

Procediamo con l’aggiornamento della graduatoria mondiale femminile, senza dimenticare che, in questa analisi, prenderemo in considerazione tutti i tempi effettuati dal 1 dicembre 2014 in poi.

Questa data è stata appositamente scelta (a differenza della classica graduatoria per anno prodotta dalla FINA) al fine di comprendere i vari Campionati Nazionali disputati a dicembre, che solitamente rappresentano un primo obiettivo stagionale per i nuotatori.

Ricordiamo infine che nella graduatoria trovate:
·          I giorni totale che ogni singolo leader ha trascorso in testa alla classifica.
·          Il punteggio che ogni tempo ha totalizzato paragonato al record del mondo in carica.
·          Il numero di nuotatori che hanno già effettuato una prestazione al di sopra dei 98 punti, quota che stabiliamo come possibile per essere in zona titolo mondiale.

STILE LIBERO

Una zampata di Mireia Belmonte Garcia sui 1500 scalza la nostra Caramignoli dalla posizione numero 1.



DORSO

L’unica novità del dorso è l’avvicinamento alla numero 1 della danese Mie, che passa anche la famosa “quota 98” prenotando un posto da protagonista nel prosieguo della stagione.



RANA

è proprio Rikke Pedersen la prima donna a sfondare quota 98 nei 200 rana: 2,21,60 inizia ad essere un tempo davvero interessante.






FARFALLA

È sempre la campionessa spagnola a muovere le acque: la Belmonte ferma il cronometro a 2,05,86, tempo che le consegna la prima posizione nel ranking mondiale ma non la palma di favorita (quella già ce l’aveva).



MISTI

Chissà come l’avrà presa quella giramondo di Katinka Hosszu: la O’Connor è riuscita a scalzarla dalla piazza nr.1 dei 200 misti, ma i tempi che contano arriveranno più avanti.




Appuntamento a domani con la classifica ITALIANA!