I 200 STILE LIBERO alle OLIMPIADI

Dopo aver scoperto i numeri e le curiosità di tutte le distanze da 100 metri, continuiamo il nostro percorso olimpico passando ai 200, questa settimana i 200 STILE.


Nonostante siano una delle gare più spettacolari e riconoscibili del programma del nuoto in vasca, i 200 stile libero sono specialità olimpica soltanto dal 1968, se si esclude la fugace apparizione alla seconda edizione dei Giochi, Parigi 1900. Abbiamo così 13 campioni maschi e 12 femmine, per un totale di 25 ori. Vediamo come è suddiviso il medagliere olimpico.


Gli Stati Uniti sono in testa anche a questo medagliere, con due ori di vantaggio sull’Australia che precede di un oro la DDR. Tra i maschi, gli americani hanno tre ori così come gli Aussies, che si piazzano al secondo posto per un minor numero di argenti. Tra le donne, invece, l’Australia è ferma a quota 2 ori, con la defunta DDR a quota 3 e gli USA a 4. L’Italia è finalmente presente (unica gara del programma insieme ai 400 misti ed ai 400 stile) sia nel medagliere maschile, con il bronzo di ROSOLINO nel 2000, sia in quello femminile, con le due perle (un oro ed un argento) di FEDERICA PELLEGRINI


Mark Spitz, Michael Gross, Pieter Van Den Hoogenband, Ian Thorpe, Michael Phelps: l’oro dei 200 stile alle olimpiadi accomuna ognuno di questi grandissimi campioni che hanno lasciato un segno indelebile nella storia del nuoto. 

Phelps, Thorpe, Van Den Hoogenband
Che podio ad Atene 2004

Tutti quanti sono stati dei personaggi influenti, ognuno a modo suo, sia tra le corsie che nella vita fuori dall’acqua. La miglior prestazione (102,95 punti) fu quella di PIETER VAN DEN HOOGENBAND, olandese capace di mettere la mano davanti allo squalo Ian Thorpe proprio nella sua gare e nell’olimpiade di casa, quella di Sydney. Thorpe si prese la rivincita quattro anni più tardi, quando mise la mano davanti proprio a Van Den Hoogenband in un podio storico completato dal bronzo di Michael Phelps. 


Così come tra gli uomini, nemmeno tra le donne c’è stata una campionessa in grado di fregiarsi di due ori nei 200 stile. Ci è andata vicina FEDERICA PELLEGRINI che nel 2004 fu beffata da Camelia Potec ma che nel 2008 stupì il mondo e fece innamorare l’Italia con il primo oro femminile azzurro nel nuoto. 

"La Divina" Federica Pellegrini
Oro a Pechino 2008

Allison Schmitt è la campionessa in carica e detentrice del record olimpico, ma la gara a Rio sarà impreziosita dalla presenza della fenomenale Katie Ledecky.

LA CURIOSITÀ

Il nuoto in Australia è uno degli sport nazionali e le origini del movimento Aussie sono da ricercare molto indietro nel tempo. Nel 1900 la squadra olimpica che fece il viaggio dalla terra dei canguri a Parigi era composta da un solo rappresentante: il suo nome era FREDERICK LANE, detto Fred. 

La partenza dei 200 stile a Parigi 1900


Nella Senna, Fred partecipò a due gare, quella dei 200 stile libero e quella del nuoto ad ostacoli (di cui parleremo tra qualche settimana nelle Specialità Perdute). Fu oro in entrambe, disputate una a 45 minuti di distanza dall’altra, diventando così il precursore dei pluri-specialisti del nuoto moderno. Fred a Parigi si mise dietro niente di meno che Zoltan Halmay, leggenda ungherese del nuoto, battendolo sia in semifinale che in finale. 

Frederick Lane (1880 - 1969)

Il suo tempo nei 200 stile, 2’25”2, rimase record olimpico per 68 anni, quando, a Città del Messico, la gara entrò a far parte del programma a cinque stelle. Morì nel 1969, un anno dopo che il suo connazionale Michael Wenden vinse l’oro nella distanza in 1’55”2, raccogliendo così la sua eredità che fu poi tramandata ad altri illustri stileliberisti australiani.

Appuntamento a lunedì prossimo con la storia dei 200 DORSO!

Etichette: , , , , , , , , , ,